Piccoli musei a Parigi da non perdere: gli atelier d’artista

Brancusi | Atelier

PICCOLI MUSEI A PARIGI CHE DEVI ASSOLUTAMENTE VEDERE PER SCOPRIRE I LUOGHI IN CUI I GRANDI ARTISTI HANNO CREATO LE LORIO OPERE

I piccoli musei a Parigi non sono affollati e sono poco conosciuti, ma nella maggior parte dei casi conservano un’atmosfera unica, quella di una città che per molto tempo è stata il punto di riferimento per gli artisti più importanti della storia dell’arte.

Ho già dedicato un post alla Parigi meno nota, la Parigi segreta: alla scoperta dei musei e dei luoghi nascosti. 
Ora, invece, voglio portarvi alla scoperta di quei piccoli musei a Parigi che permettono di ammirare gli atelier dei grandi artisti del passato.

Piccoli musei a Parigi da non perdere

Brancusi | Atelier

Atelier Brancusi

I piccoli musei a Parigi che secondo me vale la pena di vedere hanno tutti una storia recente.
Aperti da poco al pubblico, hanno l’ambizione di custodire esattamente com’erano i luoghi di lavoro e di creazione di alcuni grandi artisti.
Ecco quali vedere!

PICCOLI MUSEI A PARIGI: GLI ATELIER D’ARTISTA

Atelier di Constantin Brancusi
Questo è il luogo in cui lo scultore rumeno, autore di sculture dalle forme lisce e allungate, ha creato i suoi capolavori, ora esposti nei musei di tutto il mondo.
Brancusi considerava il suo studio un’opera d’arte in cui ogni scultura aveva un posto preciso e ogni minimo spostamento o cambiamento avrebbe modificato l’armonia di questo luogo di creazione.
Lo studio è stato spostato nel 1997 accanto al famoso Centre Pompidou e ricostruito, tale e quale, in un edificio che l’architetto Renzo Piano ha progettato appositamente.
Da vedere perché: al suo interno ci sono 147 sculture, 41 disegni e 2 quadri disposti esattamente come Brancusi li lasciò alla sua morte, nel 1957.

Institut Giacometti
Nel 2018 è stato ricostruito il mitico atelier di Alberto Giacometti, lo scultore delle forme talmente esili da sembrare quasi sul punto di dissolversi.
Se questi 23 metri quadri, spartani e per niente allegri, si sono conservati il merito, è tutto della moglie di Giacometti.
Annette Arm (1923-1993) alla morte del marito, nel 1966, riuscì a conservare la stanza in cui l’artista lavorava, con tutte le opere e gli oggetti, intonaci compresi.
Da vedere perché: sembra ancora che Giacometti sia presente e che sia appena uscito per fumare una sigaretta. Al suo interno ci sono 70 opere e sculture mai esposte, in una stanza che ha le pareti ricoperte dalla carta da parati originale.

LEGGI ANCHE – Alberto Giacometti: 5 cose da sapere

Alberto Giacometti | atelier

Atelier Alberto Giacometti

PICCOLI MUSEI A PARIGI: LE CASE-MUSEO

Musée Delacroix
Dietro la chiesa di St-Germain-des-Près, si trova la casa di Delacroix.
L’artista romantico visse e lavorò in questo luogo dal 28 dicembre 1857 fino alla morte, nel 1863.
Il museo fu inaugurato nel 1971 e custodisce molte opere del pittore che ricostruiscono tutta la sua carriera, ma si possono osservare anche gli oggetti personali, tra cui la sua tavolozza.
Da vedere perché: si può ammirare la “Maddalena nel deserto”, presentata al Salon del 1845 e che suscitò l’ammirazione della critica del tempo; inoltre, Delacroix non è stato solo un pittore ma anche un letterato e la Biblioteca del Museo conserva i suoi scritti e i suoi diari.

Delacroix | museo

Casa museo Delacroix

Musée Gustave Moreau
Fondato nel 1903, questo museo fu la casa di Gustave Moreau per circa cinquant’anni, costituendo un vero e proprio gioiello storico-letterario da scoprire.
Le opere custodite un questa casa sono ben 14000, inclusi schizzi, disegni e acquerelli e fu Moreau stesso a voler fare della sua residenza un museo che custodisse le sue opere. Infatti, in un documento del 1862 l’artista stesso esprimeva il desiderio di proteggere i suoi capolavori e raccoglierli in un museo.
Da vedere perché: è un museo ricco di fascino e che permette di fare un percorso all’interno dell’arte simbolista. Oltre all’atelier è possibile visitare anche il piano dove Gustave Moreau viveva e in cui si trovano gli oggetti personali e le opere d’arte a lui più care.

Musée Gustave Moreau

Musée Gustave Moreau

LEGGI ANCHE – Parigi cosa vedere: 5 cose da fare gratis a Parigi

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *