Vita di Caravaggio: 5 cose da sapere

Caravaggio | Bacco

Caravaggio, Bacco

VITA DI CARAVAGGIO: 5 COSE DA SAPERE SU MICHELANGELO MERISI

La vita di Caravaggio, ovvero Michelangelo Merisi, è avventurosa come romanzo, dove la meraviglia che suscitano le sue opere si mescola con i misteri della sua vita violenta e fatta di eccessi.

“Quando non c’è energia non c’è colore, non c’è forma, non c’è vita” – Michelangelo Merisi, detto Caravaggio.

Caravaggio rompe gli schemi, dipinge direttamente sulla tela senza disegnare, utilizza come modelli la gente di strada, sfrutta il potere della luce e del chiaro-scuro per impostare le sue composizioni.
Impossibile non amare almeno un’opera di Caravaggio.
La mia opera preferita è la Vocazione di San Matteo ad esempio, e la vostra? Scrivetemelo nei commenti.

Ecco le 5 cose da sapere sull’intensa vita di Caravaggio.

Riposo durante la fuga in Egitto | Caravaggio

Michelangelo Merisi da Caravaggio, Riposo durante la fuga in Egitto, 1596-1597
Roma, Galleria Doria Pamphilj © 2017 Amministrazione Doria Pamphilj s.r.l.

CHI ERA CARAVAGGIO: 5 COSE DA SAPERE PER CAPIRE PERCHE’ CARAVAGGIO E’ CONSIDERATO UN ARTISTA MALEDETTO

La vita di Caravaggio è quella di un artista, di un assassino, di un uomo che sapeva dividersi tra il raffinato mondo del collezionismo e i sobborghi di una città che ospitava criminali di ogni tipo.

1 – DOVE E’ NATO CARAVAGGIO

Michelangelo Merisi è nato nel 1571 a Milano ma tutti lo conoscono con il nome di Caravaggio, che è in realtà il paese d’origine dei genitori.
Nel 1577, a causa di una epidemia di peste, la famiglia Merisi scappa da Milano e torna proprio a Caravaggio, dove il padre dell’artista morì.

2 – CARAVAGGIO A ROMA

La vita di Caravaggio subisce una svolta nel 1584, quando torna a Milano, all’età di 13 anni e diventa allievo dell’artista manierista Simone Perterzano.
Nel 1592 si trasferisce a Roma e tenta di emergere come artista, ma contemporaneamente vive una vita di assoluta povertà, frequentando i sobborghi più malfamati della città.
Diventa uno degli artisti protetti dal potente e raffinato cardinale del Monte, che gli procurerà incarichi importanti, tra cui a “Vocazione di San Matteo” per la chiesa di San Luigi dei Francesi e la “Canestra di Frutta”, considerata la prima “natura morta” dell’arte italiana.

Caravaggio, Canestra di frutta (dettaglio)

3 – PERCHE’ CARAVAGGIO E’ CONSIDERATO UN PITTORE MALEDETTO

Le caratteristiche della pittura di Caravaggio sono il realismo dei soggetti e un uso della luce che esaspera le emozioni.
La Morte della Vergine” fu considerata da subito un’opera troppo vicina alla realtà e la Vergine molto più simile ad una donna dei bassofondi che alla Madre di Cristo.
Contemporaneamente ai grandi capolavori, la vita di Caravaggio continua ad essere complicarsi: viene arrestato per possesso d’armi, condannato per aver insultato le guardie cittadine, accusato di aver lanciato addosso ad un garzone d’osteria un piatto di carciofi, ricercato per aver ferito gravemente un notaio.
Tutto questo ha contribuito alla sua fama di pittore maledetto, in cui genio e sregolatezza sono fusi.

4 – CARAVAGGIO A NAPOLI E MALTA

Nel 1606 Caravaggio uccide, nel corso di una rissa, Ranuccio Tommasoni.
L’artista è costretto a fuggire da Roma e trova rifugio prima a Napoli e poi a Malta, dove nel 1608 entra a far parte dell’Ordine dei Cavalieri di San Giovanni.
Tuttavia, Caravaggio sembra non riuscire a sfuggire al proprio destino e viene coinvolto in un’altra rissa ferendo un membro dell’Ordine.
Fugge di nuovo e si reca in Sicilia e poi di nuovo a Napoli, in cerca di protezione, ma i sicari dell’uomo ferito a Malta lo raggiungono e lo feriscono.
Dipinge in questo periodo “Davide con la testa di Golia” (1609-1610), dove Golia in realtà è l’autoritratto di Caravaggio.

5 – QUANDO MUORE CARAVAGGIO

Nell’ultimo ed estremo tentativo di ottenere grazia da parte del Papa e vedere annullata la sua condanna a morte, intraprende un viaggio a Roma che però non riuscirà a raggiungere.
Caravaggio muore, a soli 38 anni, a Porto Ercole nel 1610.

David con la testa di Golia | Caravaggio

Caravaggio, David con la testa di Golia – Galleria Borghese.

LEGGI ANCHE: descrizione della Crocifissione di San Pietro di Caravaggio.

 

 

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *