Cosa vedere in Sardegna: i Musei da visitare

COSA VEDERE IN SARDEGNA: I MUSEI DA VISITARE

Ammetto che quando sono andata in Sardegna l’ho fatto per il mare e le spiagge, ma quest’isola può offrire delle piacevoli sorprese dal punto di vista museale.
Ho deciso allora di fare un elenco su cosa vedere in Sardegna uscendo dagli schemi, consigliandovi i 5 musei da vedere.

La Sardegna ha un’offerta museale varia e in grado di soddisfare ogni esigenza.
Si va dai reperti archeologici a quelli del periodo nuragico, fenicio-punico, e romano, ma non mancano siti medievale, l’archeologia industriale e i musei dedicati ai grandi personaggi storici e letterari che in Sardegna hanno trovato un posto che potevano chiamare casa.
Ecco allora cosa vedere in Sardegna, ovvero la lista dei 5 musei più belli.

LEGGI ANCHE: Cosa vedere a Genova.

1 – Museo Deleddiano – Casa natale di Grazia Deledda (Nuoro)

Si trova nel centro storico di Nuoro ed è la casa di Grazia Deledda, Premio Nobel per la letteratura nel 1926.
La visita ripercorre i tre livelli dell’abitazione, attraversando il suo studio e ammirando i cimeli e le testimonianze di vita della scrittrice in una tipica abitazione della borghesia dell’epoca.

Grazia Deledda | casa

Casa Natale di Grazia Deledda. Image source: dimoresarde.it

2 – Il Compendio Garibaldino (Caprera)

Questa è la casa di Giuseppe Garibaldi, dove visse venticinque anni occupandosi della sua azienda agricola e meditando sulle sorti dell’Italia.
Immerso nella vegetazione mediterranea e circondato dai colori delle acque dell’arcipelago de la Maddalena, qui l’Eroe dei Due Mondi visse con i suoi familiari ed è il luogo dove riposa.
Si tratta di una casa semplice, che rispecchia la personalità di Garibaldi, che era abituato ad una vita senza sfarzi e fatta solo dell’essenziale.
Non lontano si trova anche il “Memoriale Giuseppe Garibaldi”, che ripercorre la vita e le imprese di Garibaldi.

LEGGI ANCHE: 5 città italiane da visitare almeno una volta nella vita.

Giuseppe Garibaldi | casa

Compendio Garibaldino. Image source: Hotelfree.it

3 – Museo del Carbone (Carbonia)

Si tratta del sito minerario di Serbariu, attivo dal 1937 al 1964, trasformato in un museo.
Questo luogo ha rappresentato tra gli anni ’30 e ’50 una delle più importanti risorse energetiche d’Italia e sono attualmente visibili i locali e gli attrezzi da lavoro.

Museo del Carbone | Carbonia

Museo del Carbone. Image source: Museo del Carbone

4 – Museo etnografico Galluras-Museo della Femina agabbadora

Visitare questo museo significa fare un viaggio indietro di secoli. Si tratta della ricostruzione di una tipica casa della Gallura come si presentava tra la fine del Seicento e la prima metà del Novecento.
Il Museo è conosciuto anche come “Museo di Femina Agabbadora” perché qui si conserva il famoso e macabro martello che nel passato veniva usato da “sas accabadoras“, le donne incaricate di “porre fine” alle sofferenze dell’agonizzante sul letto di morte.

LEGGI ANCHE: Cosa vedere a Roma.

Museo Etnografico | Galluras

Museo Etnografico Galluras. Image source: Sardegna Turismo.it

5 – Casa Zapata (Barumini)

Casa Zapata è la residenza della nobile famiglia aragonese degli Zapata, che arrivarono in Sardegna nel 1323 al seguito dell’Infante Alfonso che si preparava alla conquista dell’isola, e si stabilirono a Cagliari (una delle Città Reali).
Nel 1541 acquistarono la Baronia di Las Plassas, Barumini e Villanovafranca, e ne diventarono signori e poi baroni.
La loro residenza, uno splendido palazzo con giardino annesso, realizzata tra la fine del XVI e gli inizi del XVII secolo è ora la sede del Polo Museale “Casa Zapata” organizzato in tre sezioni: archeologica, storica ed etnografica.

Casa Zapata | Sardegna

Casa Zapata. Image source: Fondazione Barumini

LEGGI ANCHE: Ville Palladiane: l’elenco delle ville patrimonio Unesco.

Related Post

Condividi su

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *